Altro

LIEBSTER AWARDS 2016

Ehm...prova...prova... *microfono fischia* ok, funziona...
OK, FangirlSaM ha più di un anno e tra altri e bassi, i misteri della rete e della prima collaborazione, stiamo crescendo. Non solo con voi followers, ma anche all'interno del blog, con l'entrata in scena di Beatrice *la spinge in avanti*

Heilà! Salve a tutti, sono Bea *saluta con la mano*, eeeh… sono un pochino nuova di questo mondo, quindi perdonatemi se faccio qualche gaffe ogni tanto! U.u Appena la mia collega mi disse che eravamo state nominate per i Liebster Award ero estasiata (non appena mi spiegò in che cosa consisteva), e non ci potevo credere! 

Ci saranno tante novità (come il magico bottone per diventare lettori fissi del blog), tra cui un futuro restyling della grafica, aggiunta di nuovi contenuti e temi molto più ampi.
E visto che siamo ancora piccole piccole, minuscole nel grandissimo e sterminato mondo del web, ci sentiamo veramente onorate di essere state nominate da Il mondo di Kiki per la Liebster Award 2016.


Le regole sono molto semplici:
1) Ringraziare il blog che ti ha nominato e assegnato il premio
2)Rispondere alle domande che ti pone il blog che ti ha nominato
3)Nomiare 11 blog che hanno meno di 200 iscritti
4)Creare 11 domande a cui i blog che hai nominato dovranno rispondere
5)Informare i blog della nomina

Come già detto siamo in due a gestire attualmente il blog, quindi risponderemo entrambe alle domande di Fede, che ringraziamo tantissimo per l'opportunità che ci ha dato.

E adesso mettiamoci in moto! Pronta Beba?

Yes!
Quindi, ecco a voi uno sprazzo della nostra piccola vita, che gira intorno a libri e serie tv. Un bacio a tutti, buona lettura! ;)

1.Quali libri salveresti dall'incendio?
Bella domanda...di sicuro il librone con all'interno tutte le indagini di Langdon e tutti gli Harry Potter, ma farei veramente molta fatica a lasciare gli altri dentro a bruciare.

 Sicuramente IT, the Dome e gli altri (pochi!) libri che ho di Stephen King! Però è anche vero che farei il possibile per salvarli tutti!

2.Quali libri hai letto più di una volta?
 Praticamente tutti, ma di sicuro quelli che ho letto di più sono stati Eragon La bambina con la valigia, sono i libri che mi hanno accompagnato per la mia infanzia e nella mia adolescenza, e ancora adesso, quando li riprendo in mano, rimangono affascinata dalla loro storia.

1     Inferno, di Dan Brown, Alice in Wonderland….ed ora mi sto rileggendo I Miserabili, di Victor Hugo. Si, sono matta, ma adoro come scrive! È proprio il fatto che si prenda così molto tempo per descrivere luoghi, vicende storiche e gli intrigati complessi emotivi che muovono ciascun personaggio che mi ammalia ad ogni lettura. Non ti sta solo raccontando una storia, ti sta creando ESATTAMENTE lo scenario in cui questa è ambientata, senza errori o sfaccettature personali, se non minime! Era l’Everest della letteratura, ed ancora dopo secoli riesce ad affascinare!


3.Qual'è il tuo autore preferito?
Non ho esattamente un autore preferito, nel senso classico.
Non è che mi metta a urlare perché è uscito il nuovo libro di quello o di quest'altro scrittore, in quanto trovo che alcuni tipi di scrittura si trovino bene in alcuni contesti, mentre in altri no (come la Rowling, ho apprezzato molto Harry Potter, ma il Seggio Vacante l'ho trovato noioso, tanto da non riuscire a finirlo). 
Ma uno dei pochi autori che non mi ha ancora deluso è Dan Brown. Adoro il suo modo di scrivere che fa scivolare le pagine davanti agli occhi senza fatica, scorrono via quasi senza peso, anche se i temi non sono esattamente dei più leggeri. Sembra di essere lì con Robert Langdon a indagare con l'orologio che scorre inesorabile e i cattivi alle calcagna, perché le descrizioni sono precise ma non prendono troppo tempo. 

1    Mmmmh….sono indecisa tra Stephen King e Victor Hugo. Ma si, al diavolo: Stephen King, ora e per sempre! Adoro le atmosfere di suspence che crea nei suoi libri. Ma la cosa che mi ha fatto innamorare di lui è che prende paure normalissime, che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita (come quella per il buio, per i clown, per i cani o della solitudine), li modella, li plasma con una maestria tale da ricrearli, in maniera più oscura e terrificante, e poi te li scaglia contro! E tu non puoi fare altro che sentirti un bambino che ancora si nasconde sotto le coperte quando ha paura! Divino!


4.Qual'è il tuo personaggio preferito?
Hermione Grager tutta la vita.
Mi identifico molto in lei, nella sua passione per i libri, per il suo coraggio e per la sua forza d'animo. Mi è capitato spesso di essere associata a lei dai miei compagni di classe, soprattutto quando alzavo la mano per rispondere a tutte le domande dei professori (ehm...).
Un altro personaggio che amo è Louisa Clark di Io prima di te.
E' un personaggio che compie una grandissima trasformazione durante il racconto, che ha superato mille difficoltà e che si sacrifica per il bene degli altri, senza però perdere la sua simpatia e la sua felicità.

1    Trascendo ora dal mondo dei libri per entrare in quello della cinematografia: Ash, di Evil Dead! Interpretato dal mitico Bruce Campbell! Il primo horror, anzi, il primo vero e proprio film che ho visto solo con mio padre…anzi, che lui voleva vedere con me. Ci sono estremamente affezionata, anche se un uomo rozzo, volgare, lievemente alcolizzato e con una tendenza alla melodrammaticità non è il classico modello convenzionale che di solito le bambine hanno! ;)


5.Un libro che tu hai amato che il resto del mondo  ha odiato
Questa è facilissima! I promessi sposi!
L'ho letto tutto, anche se la prof ci aveva dato il permesso di saltare alcune parti o interi capitoli. Ero talmente presa dalla storia che non mi sono mai fermata, nemmeno per sbuffare per le eterne descrizioni.

      La Divina Commedia, di Dante Alighieri! La maggior parte dei miei coetanei, al solo sentirne il nome gli scorre un brivido lungo la schiena!


6.Un libro che letto in giovane età ti è piaciuto molto, ma ad una rilettura in età adulta non ti è paiciuto
Direi Baciami e Uccidimi della Henderson e Evernight della Gray. Li ho riletti non molto tempo fa e li ho trovati senza un filo logico e leggermente improbabili.
E pensare che avevo dei meravigliosi ricordi legati a loro...

1    Non saprei….questa è una domanda difficile. La corona del drago, di Uri Orlev. Da piccola mi aveva conquistato, poi rileggendolo di recente mi ha infastidito la trama poco solida, il fatto che i personaggi non avessero spessore e che riprendeva (malamente) lo stile delle fiabe per bambini.



7.Un libro o una saga con la copertina bellissima
Paris di Rutherford. Questo libro l'ho veramente comprato esclusivamente per la copertina che fa così anni '30. L'adoro, davvero, prenderei tutta la saga proprio per questo motivo... ma forse è meglio che prima legga almeno il primo volume XD.

       I Segreti di Nicholas Flamel, di Michael Scott. Copertina bellissima, la saga…ancora di più! Un delicato intrico di folklore, mitologia, storia e alchimia, il tutto ambientato nei giorni nostri. L’idea che un Nicholas Flamel di quasi 800 anni scarrozzi in giro per Manhattan ed universi paralleli assieme a due gemelli che, equivocamente, tutti pensano abbia rapito è affascinante!



8.C'è stato un film che hai preferito al libro?
La bussola d'oro, non ho amato il libro, l'ho trovato troppo lento in alcuni punti, facendo molta fatica a finirlo, mentre il film l'ho amato e l'ho rivisto parecchie volte.

Stardust, tratto dall’omonimo romanzo di Neil Gaiman. E Angeli e Demoni. Il film era molto più coinvolgente, e , sinceramente, ho apprezzato di più lo sviluppo della trama nei due film rispetto che nei libri



9.Due libri che non devono mancare nella libreria
Direi Peter Pan Bambini occupate Disneyland. Sono due libri che mi hanno insegnato a sognare e a  non dimenticare di osservare il mondo con gli occhi dei bambini, riuscendo così a trovare sempre il lato bello e favoloso delle cose.


n     The Importance of Being Ernest, di Oscar Wilde, e Il Giro del Mondo in 80 Giorni assieme a Viaggio al Centro della Terra, di Jules Verne. Con loro ho imparato a ridere, e devo dare la colpa a Verne per questa voglia irrefrenabile che ho di viaggiare e conoscere mondi nuovi.



10.Che ne pensi di comprare libri usati?
Argh! Ne ho comprati di mia spontanea volontà solo due volte, dopo aver controllato che fossero intonsi, perfetti, come nuovi, mentre gli altri mi sono stati regalati e sono sottolineati, hanno le pagine spiegazzate e questa cosa mi fa andare fuori di testa. Quindi dipende da cosa e come lo trovo.

1    Domanda difficile. Direi che principalmente dipende dallo stato in cui li trovo: se sono rovinati, spiegazzati, sottolineati o comunque tenuti malamente, preferirei prenderlo nuovo, o prenderlo dalla biblioteca. Anche se generalmente lo “abbandonerei” solamente se ci fossero delle pagine mancanti: amo i libri, sono stati i compagni più fedeli che abbia mai avuto nella mia vita, sempre presenti quando ero da sola, triste o volevo evadere dalla realtà. E quindi vedere un libro in pessimo stato mi fa sempre stringere il cuore, e per quello che posso farei sempre il possibile per tentare di “rianimarlo”, e ridargli la vita che gli è stata tolta. Quindi diciamo che generalmente sono positivamente concorde a libri usati.



11.Ti piace regalare libri?
Sì, perché un libro è qualcosa di intimo, qualcosa che può rimanere nell'animo di chi lo riceve, proprio per questo li regalo solo a chi amo e sono certa di conoscere fino in fondo.

       Enormemente. Purtroppo poche persone intorno a me apprezzerebbero questo tipo di regalo…ma a quei pochi adoro regalare sogni e nuovi mondi!


Bene, bene! Abbiamo risposte a tutte le domande, direi che possiamo passare alla nomina dei blog!
Abbiamo provato a cercare blog che non fossero giù stati nominati, ma purtroppo non ci siamo riuscite, quindi so sorry...




E le domande a cui dovranno rispondere sono *si sfrega le mani*

1)Il genere a cui non puoi assolutamente rinunciare
2)Il libro che ti ha più terrorizzato
3)Qual'è il tuo cattivo preferito?
4)Il finale che hai odiato, e che vorresti cambiare immediatamente
5)Tre personaggi con cui intraprenderesti un viaggio in terre sconosciute
6)Quale libro consiglieresti al tuo peggior nemico?
7)Quando e dove leggi?
8)Personaggio femminile che hai più odiato?
9)Un libro che ti vergogni di aver letto
10)In quale dei tanti mondi che hai letto (o visto nelle serie tv) vorresti entrare per non uscire mai più?
11)Il libro che ti ha cambiato la vita

Detto questo...Pace, vita e unicorni per tutti!
Silvia e Beatrice

IL PARADIGMA DELL'EVOLUZIONE DI 'THE BIG BANG THEORY'



Non riesco a capire come la gente possa dire che questa serie TV non fa più ridere o ha perso lo smalto delle prime stagoni?
In meno di una settimana sono riuscita a farmi 'fuori' tutte e 9 le serie, ridendo dalla prima fino all'ultima puntata. E' vero, alcune puntate perdono il loro fascino da puro e semplice nerd, che si basavano su cose semisconosciute, a favore di un mondo più popolare, ma i tempi sono cambiati e sono cambiati anche loro. Ma andiamo con ordine!
Prima di tutto rendiamoci conto che dopo l'inizio dell'avventura di 'The Big Bang Theory', il mondo nerd si è ampliato, arrivando ad interessare anche quelle persone che si allontanano dai parametri dei veri Nerd, rappresentati proprio da Sheldon, Raji, Leonard e Howard. Questo perché i film tratti dai fumenti o libri sono aumentati fuori misura (ormai è dura trovare un film che non sia tratto da qualcosa), permettendo alle grandi masse di conoscere quei personaggi che se no sarebbero stati sconosciuti. Questo è sia un vantaggio che uno svantaggio: aumentano le battute compressibili a tutto, ma allo stesso tempo toglie quella immagine un po' 'undergraound' che caratterizzava i personaggi.
Ma oltre a questo ci sono i cambiamenti che subiscono anche i protagonisti. Crescono e cominciano ad avere nuove responsabilità, soprattutto con l'arrivo di Amy e Bernadette, che scombussolano l'ordine che si era creato dopo l'intromissione di Penny nel gruppo. Soprattutto iniziano a crescere, c'è chi si sposa, chi comincia una nuova relazione, chi rompe i suoi schemi mentali...Ci sono dei cambiamenti, che portano verso una maturità dei personaggi, che altre serie non è presente.
La comicità comunque rimane, quasi inalterata, inserendo gli elementi nerd e comici all'interno di una struttura più quotidiana, più semplice.
Quindi...Buona visione!

30 giorni di Manga

Prendo la palla al balzo e approfitto del tag di Everpop per parlarvi di una cosa che ho amato tantissimo durante gli anni del liceo.
I manga sono stati un mio grande amore, ne leggevo a vagonate, di tutti i tipi, ma con una vera e propria predilezione per gli shonen (sì, lo so, sono per machietti e io sono una femminuccia...ma, ehi, gusti son gusti! XD). Purtroppo, con l'inizio della mia vita universitaria i miei acquisti si sono ridotti drasticamente, cercando di acquistare solo lo stretto necessario per finire quello che avevo iniziato.
Quindi mi scuso se non ci sono titoli nuovissimi e anche per il fatto che una certa seria sarà onnipresente.
Detto ciò partiamo!

Day1: il manga/anime shonen preferito
Senza ombra di dubbio i miei preferiti sono 'Fullmetal Alchemist' e 'Soul Eater'. Amo entrambi sia per la storia che per i disegni.


Day2:il manga/anime shojo preferito
Il primo manga che ho preso di questo genere: 'Fullmoon' di Arina Tanemura. Una storia dolcissima che adoro e che porto sempre nel cuore.



Day3:il personaggio shonen preferito
Ok, qui le cose si complicano! Ne ho troppi!
Allora dico subito Ed Elric, mio grande amore, e  Revy da 'Black Lagoon', una donna che di sicuro non le va a dire.



Day4:personaggio shojo preferito
Qui la scelta è più facile! Adoro Emika di 'Love Berrish!', una ragazza stupidina e ingenua in cui mi rispecchio parecchi (XD)














Day5:Il primo manga che hai letto
I primi soldi che spesi in fumetteria furono tutti per 'Fullmetal Alchemist' logicamente, in quanto ne ero innamorata dell'anime e quando scoprii  che esisteva il manga ero felicissima.


Day6:il primo anime che hai visto
Non mi ricordo qual è stato il primo che ho visto, ma la nonna mi ha assicurato che quando trasmettevano 'il cartone con la suora', meglio conosciuto come 'Lisa e Seya, un solo cuore per lo stesso segreto', smettevo di fare qualsiasi cosa.



Day7:il manga/anime che ti ha commosso di più
Penso di non aver mai pianto un sacco quando guardavo 'Nana' e il finale mi ha davvero spezzato il cuore.



Day8:il manga/anime che rileggeresti/rivedresti senza mai stancarti
Non volendo ripetermi nuovamente, opto per rileggere a vita 'Dogs' e guardare all'infinito 'Aquarion'.




Day9:il personaggio manga/anime che ti piace di meno
Dopo una lunga lunga ponderazione ho deciso di dare la medaglia a Ryoga, lo detestavo, ogni volta che appariva mi veniva l'orticaria.














Day10:Un manga che ti ha così tanto schifato da stopparlo subito
Non ho mai stoppato un manga perchè non mi piaceva, arrivo sempre alla fine sperando nel colpo di scena finale. Perciò inserisco, in questo caso, quella serie che ho comprato in blocco (perché di una delle mie mangaka preferite) e il giorno dopo riportato indietro: 'Chocolate Cosmos'.













Questa è la prima parte del mio tag!
Questo è il link per le risposte di Everpop a questo tag: https://everpop.wordpress.com/2016/02/17/a-colpi-di-tag-1030-di-manga/ 
Ci vediamo al prossimo tag!

5 COSE CHE ODIO!

Questo post non c'entra un piffero, ma vi volevo rendere partecipi di quello che detesto delle persone che purtroppo mi circondano e che ogni volta che torno a casa mi fanno sospirare "Vedo la gente scema!".
Perchè capisco che forse sono io la pazza in questo mondo, ma non riesco a capire perchè gli altri possano criticare me, ma io non posso neppure aprire bocca perchè se no li offendo.
Bando alle ciance e partiamo:

#1-La gente che non sa la trama di qualcosa!
 E' una cosa che detesto! Gente che prende il libro o va a vedere un film e dopo con aria spaesata
fa "Ma non pensavo parlasse di questo!". Ma dove sei vissuto? Su Marte?!
L'esempio libresco che vi voglio citare è Colpa delle Stelle, una ragazza che conosco presadall'entusiasmo dell'uscita del film, ma a quanto pare senza aver mai visto un trailer, una foto, un articolo o altro riguardate ciò, si è presa il libro. Dopo nemmeno un capitolo ha rinunciato a
leggerlo. Perche? Non sapeva che parlava del cancro! Pensava fosse una cosa alla Moccia, tranquilla dove il massimo di tragedia fosse che lui tradiva lei con un'altra. Inoltre, le dà fastidio tutto ciò che riguarda l'ospedale.
Lungi da me da criticare la sensibilità di una persona (anche io ho fatto fatica a leggere alcuni pezzi di Resta anche domani, quando si parlava di operazioni, flebo, emorragie e quant'altro), ma esiste la trama per un motivo: per poter sapere di che cosa parla il libro!
Per quanto riguarda il film, vorrei parlarvi della reazione di alcuni ragazzi, non molto più giovani di me, che si sono sorpresi che in Exodus:dei e re si parlasse di Mosè e, sorpresa sorpresa, di Dio. Allora, non dico che bisogna essere cristiani praticanti per sapere la storia di Mosè basta avere un pò di cultura personale (grazie a film come Mosè, re dei re, studiato storia, letto qualcosa...come una trama!) e, anche, qui leggere la trama, perchè nei pieghevoli del cinema c'era scritto, testuali parole, "la più grande storia biblica sulla fiducia dell'uomo verso Dio". Ma ammettiamolo quel film ha fatto successo solo perchè c'era quel figacione di Batman (povero Bale, ricordato dalle nuove generazioni solo per quel ruolo) e non di sicuro per la storia.

#2-Ma se leggi così tanto come fai a uscire e trovarti un ragazzo serio?
Faccio fatica a sopportarlo dai miei parenti, figuriamoci se me lo chiedono i miei amici!
Odio il rumore, i posti affollati e chiusi, odio muovermi e vedere gente che se la tira anche solo per andare al bowling... Quindi perchè dovrei per forza uscire?
Adesso non pensate che non esca mai! Lo faccio spesso con la mia compagnia, andiamo a mangiare una pizza, a giocare a biliardo, a bere qualcosa... Il problema è che molto spesso sto male (purtroppo sono piuttosto cagionevole di salute, quindi mi ammalo a ogni cambio di temperatura) o semplicemente non ho voglia di uscire perchè sono stanca o ho finito di studiare/lavorare tardi, perciò preferisco stare al caldo a leggere qualcosa.
Io ho provato a spiegare questa cosa a amici e pareti, ma loro rispondono, con tono scocciato, che uscire è rilassante! Per me no! Per me è rilassante stare a casina con un the caldo e un libro/film nuovo, in compagnia del mio ragazzo (che è reale!), che essendo pigro quanto me e odia le cose sopracitate, a discutere sulla regia o lo stile di scrittura di un libro.
Ogniuno ha i proprio gusti!

#3-Cresci un pò!
Frase meravigliosa che mi sento sempre dire, tutta colpa di tre maledette cose: la mia voce da cartone animato, le mie magliette a tema fumetti/film/libri e degli Young adult sistemati nel reparto bambini delle librerie della mia città.
Il primo non dipende da me, Madre Natura (maledetta matrigna) mi ha regalato una vocina da eterna bambina di dieci anni che da fastidio anche a me (soprattutto se qualcuno ha la malaugurata grazia di farmi sentire i mie messaggi vocali), soprattutto quando mi arrabbio e sale di una trentina di ottave, arrivando a distruggere vetri e timpani.
Il secondo fattore dipende totalmente da me e ne sono consapevole, ma se trovo magliette meravigliose con citazioni filmiche o libresche come posso non prenderle? Ormai non ascolto più le critiche che mi fanno gli altri su questo argomento perchè non hanno la minima idea di quante amicizie ho fatto grazie proprio a quest'ultime (praticamente adesso conosco tutto il mio corso di studi).
Il terzo fatto è una cosa che mi manda in bestia: se i libri sono della categoria Young adult, perchè devono essere messi nel reparto 10-11 anni?! Ogni volta che mi avvicino al reparto vengo osservata male da commesse o dalla gente che si aggira nella libreria come se fossi una ritardata! Non è colpa mia se Hungher Games, Imortal Instruments e i libri di John Green sono lì!
La cosa non peserebbe così tanto se le commesse alla cassa non mi chiedessero per chi sono gli acquisti appena fatti in quel reparto. La mia ingenuità mi ha spesso portato a rispondere con sincerità a questa domanda, ammettendo che erano per me, e allora arriva lo sguardo sorpreso di queste e la frase "Ma non sei un pò grandicella!".

#4-Non credi di essere un pò piccola...
Sì, è l'opposto del punto tre, ma purtroppo mi sento dire anche questo!
L'ultima volta è successo a Natale, quando ho pensato bene di fare la lista dei libri mettendo quelli che mi servono per il corso di Letteratura Comparata che avrò il prossimo anno, sperando che qualche anima pia me li prendesse, facendomi risparmiare un pò del mio misero stipendio. Tra questi libri c'è Lolita Il postino non suona mai due volte. Mio padre ha sgranato gli occhi sorpreso e mi ha detto la fatidica frase "Non credi di essere un pò piccola per leggere questi libri?".
Per fortuna che non ho chiesto Cinquanta sfumature di Grigio!

#5-La gente che parla senza sapere o capire!
Un bavaglio sulla bocca a tutti quelli che iniziano a sproloquiare su qualsiasi cosa senza nemmeno sapere di che si sta parlando! Come quelli che vedono il simbolo dei Doni della Morte e si mettono a parlare della piramide degli illuminati. E per fortuna che c'è molta differenza tra i due!
E dopo c'è una categoria peggiore, le persone che sono così stupide da non capire le differenze avendocele davanti e guardano tutto con i paraocchi. Un esempio: Amore e altri effetti collaterali e il già citato Colpa delle stelle.
Leggendo la trama di Amore e altri effetti collaterali si vedono somiglianze con Colpa delle stelle solo per la presenza della malattia, ma poi le storie si allontanano completamente.
Il secondo la malattia c'è sin dall'inizio, è una parte della vita con cui devi convivere, nel primo, invece, la malattia entra all'improvviso, porta a fare delle scelte sbagliate di cui la protagonista si pente, quando comincia a guarire. Allora, perchè mi trovo la bacheca di Facebook piena di recensioni che dicono che questo libro è uguale ad un altro!
No! Non lo è! Stile di scrittura diverso, temi diversi, solo perchè uno ha fatto successo e l'altro un pò meno non vuol dire che uno sia la copia dell'altro!

Bene questo è il mio sfogo! Ci vediamo alla prossima!


DAI UN APPUNTAMENTO AD UNA RAGAZZA CHE LEGGE...

Dai un appuntamento ad una ragazza che legge. Dai un appuntamento ad una ragazza che spende il suo denaro in libri anziché in vestiti. Lei ha problemi di spazio nell’armadio perché ha troppi libri. Dai un appuntamento ad una ragazza che ha una lista di libri che vuole leggere, che ha la tessera della biblioteca da quando aveva dodici anni.
Trova una ragazza che legge. Saprai che lo fa perché avrà sempre un libro ancora da leggere nella sua borsa. E’ quella che guarda amorevolmente sugli scaffali di una libreria, quella che tranquillamente emette un gridolino quando trova il libro che vuole. La vedi odorare stranamente le pagine di un vecchio libro in un negozio di libri di seconda mano? Questo è il lettore. Non può resistere dall’odorare le pagine, specialmente quando sono gialle.
Lei è la ragazza che legge mentre aspetta in quel caffè sulla strada. Se dai una sbirciatina alla sua tazza, la sua panna non proprio fresca galleggia in superficie perché lei è già assorta. Persa nel mondo dell’autore. Siediti. Potrebbe darti un’occhiataccia, poichè la maggior parte delle ragazze che leggono non amano essere interrotte. Chiedile se le piace il libro.
Offrile un’altra tazza di caffè.
Falle sapere ciò che tu davvero pensi di Murakami. Vedi se sta leggendo il primo capitolo di Fellowship. Cerca di capire che se dice che ha compreso l’Ulisse di Joyce, lo sta solo dicendo perché suona intelligente. Chiedile se ama Alice o se vorrebbe essere Alice.
E’ semplice dare un appuntamento ad una ragazza che legge. Regalale libri per il suo compleanno, per Natale e gli anniversari. Falle il dono delle parole, in poesia, in musica. Regalale Neruda, Pound, Sexton, Cummings. Falle sapere che tu comprendi che le parole sono amore. Capisci che lei sa la differenza che c’è fra i libri e la realtà ma che per dio, lei sta cercando di rendere la sua vita un poco simile al suo libro preferito. Se lo fa, non sarà mai colpa tua.
Ha bisogno di essere stuzzicata in qualche modo.
Mentile. Se comprende la sintassi, capirà che hai la necessità di mentirle. Oltre le parole, ci sono altre cose: motivazione, valore, sfumature, dialogo. Non sarà la fine del mondo.
Deludila. Perchè una ragazza che legge sa che il fallimento conduce sempre al culmine. Perché le ragazze come lei sanno che tutto è destinato a finire. Che tu puoi sempre scrivere un seguito. Che puoi iniziare ancora e ancora ed essere nuovamente l’eroe. Che nella vita si possono incontrare una o più persone negative.
Perché essere spaventati da tutto ciò che tu non sei? Le ragazze che leggono comprendono che le persone, come i caratteri, si evolvono. Eccetto che nella serie di Twilight.
Se trovi una ragazza che legge, tienitela stretta. Quando la trovi alle due di notte stringere un libro al petto e piangere, falle una tazza di the e abbracciala. Potresti perderla per un paio d’ore ma tornerà sempre da te. Lei parla come se i personaggi del libro fossero reali perché, per un po’, lo sono sempre.
Chiedile la mano su una mongolfiera. O durante un concerto rock. O molto casualmente la prossima volta che lei sarà malata. Mentre guardate Skype.
Le sorriderai apertamente e ti domanderai perché il tuo cuore ancora non si sia infiammato ed esploso nel petto. Scriverete la storia delle vostre vite, avrete bambini con strani nomi e gusti persino più bizzarri. Lei insegnerà ai bimbi ad amare Il Gatto e il Cappello Matto e Aslan, forse nello stesso giorno. Camminerete insieme attraverso gli inverni della vostra vecchiaia e lei reciterà Keats sottovoce , mentre tu scrollerai la neve dai tuoi stivali.
Dai un appuntamento ad una ragazza che legge perché te lo meriti. Ti meriti una ragazza che possa darti la più variopinta vita immaginabile. Se tu puoi solo darle monotonia, e ore stantie e proposte a metà, allora è meglio tu stia da solo. Se vuoi il mondo e i mondi oltre ad esso, dai un appuntamento ad una ragazza che legge.
O, ancora meglio, dai un appuntamento ad una ragazza che scrive”.

Rosmarie Urquico

2 commenti:

  1. Oddio chocolate cosmos che brutto XD!
    Love Berrish invece vorrei leggerlo, i disegni son assai carini!
    Nun s'era capito che ti piacesse FMA e ED! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Love Berrish all'epoca mi era piaciuto molto, soprattutto per i colpi di scena niente male ;)

      Elimina